This Post Has Been Viewed 6 Times

Tempo stimato per la lettura: 11 minuto (i) & 0 secondo (i)

Grazie ad Anna Lavatelli per averci raccontato il suo nuovo libro “L’asino che legge”


A chi è diretto questo testo?
Ai bambini e un po’ anche ai loro genitori

Di cosa parla?
Nella biblioteca di Lucia non entra mai nessuno, perché per i bambini è troppo pericoloso attraversare da soli le strade caotiche della città. Finché un giorno la bibliotecaria incontra Serafino, un simpatico e mansueto asinello, e le viene un’idea geniale: se non sono i bambini ad andare in cerca dei libri, saranno i libri ad andare in cerca dei bambini.
Ben presto l’asinello si rivela un esperto annusatore di storie: sarà quindi lui ad aiutare la bibliotecaria nella scelta dei libri da mettere nelle bisacce. Nasce così il ‘biblioasino’, il prestito libri a passo lento, che unisce la gioia di un bel racconto alla felicità di incontrare ogni giorno un amico speciale, a quattro zampe.

Come è nata l’idea?
Questa piccola storia non sarebbe nata se non avessi letto ‘Biblioburro’ (Editorial Juventud, Barcelona, España) la storia vera di Luis Soriano, un intrepido bibliotecario colombiano, narrata e illustrata da Jeanette Winter. E non avrei potuto narrare di un analogo esempio nostrano, se non avessi incontrato qui in Italia Lucia Pignatelli e il suo coraggioso progetto per un ‘Biblioasino’ urbano. Grazie ad entrambi.

Ci racconti il progetto che è dietro al libro?
Il Biblioasino, libri in prestito a passo d’asino, è un progetto di promozione e diffusione del libro e della lettura attraverso la mediazione di un animale particolarmente adatto a questo scopo.
Il progetto è ideato e coordinato a livello nazionale da Lucia Pignatelli, bibliotecaria e asiniera, che ha fondato nel 2010 l’associazione. L’associazione promuove la conoscenza, la valorizzazione e la tutela dell’asino, la diffusione del libro e della lettura, la conoscenza di pratiche e stili di vita all’insegna della decrescita.

Dove verrà presentato il libro e come?
C’è stato già un primo tour tra le biblioteche milanesi. Ce ne saranno altri prossimamente, di cui uno con molte tappe in giro per la Lombardia (e non solo). L’idea è di portare la storia de ‘L’asino che legge’ nelle bisacce degli asini bibliotecari di Biblioasino. La biblioteca esce ad incontrare i suoi lettori, li avvicina e li conquista con l’inaspettato, incuriosente binomio libro-asino.

Perché “biblioteca fuori di sé”? Cosa pensi delle nostre biblioteche? Sono poco accoglienti, non raggiungibili, hanno orari limitati o semplicemente non abbiamo la cultura della biblioteca?
Le biblioteche per ragazzi, nella mia esperienza di scrittrice invitata ad eventi, sono luoghi accoglienti ed accessibili, arredati a misura di bambino, ricchi di attività e diretti da persone appassionate e competenti. I problemi vengono dagli orari ridotti per mancanza di personale e la disinformazione sul ruolo importante che oggi le biblioteche hanno come animatrici culturali, come luogo di sano divertimento con i libri e la lettura. Nonostante le biblioteche propongano offerte formative di grande interesse per le scuole, questa alleanza stenta ancora a farsi strada nelle offerte formative. E, di conseguenza, il messaggio che la biblioteca è un luogo adatto per i bambini stenta ad arrivare a molte famiglie. ‘Se la biblioteca non è importante per la scuola, perché ci dovrei portare mia figlia o mio figlio?’ così si ragiona da più parti, secondo me. Il sodalizio biblioteca-scuola – per animazioni, laboratori, incontri con l’autore – potrebbe essere il miglior modo per vincere il pregiudizio che la biblioteca sia un luogo ‘per sgobboni’. Finché questo non accadrà, andare ‘fuori di sè’, ossia uscire dalle proprie sedi per incontrare i lettori, foss’anche a dorso di asino, può essere un modo per diventare ‘amici di libro’.

Scrivi testi solo per ragazzi? Puoi citarci gli altri tuoi titoli?
Scrivo solo per bambini e ragazzi, mi dedico a questo appassionante lavoro con senso di responsabilità e con piena soddisfazione. La mia è ormai una lunga carriera e i libri che ho scritto sono troppi, per farne qui un elenco. Vorrei quindi indicarne solo alcuni, i più recenti:
Chi ha incendiato la biblioteca, Interlinea, 2014
Macarena Tricipites e il circo dei Due Mondi, Piemme, 2013
Benvenuto, pomodoro!, Interlinea, 2013
Chiedimi chi sono, San Paolo, 2013
Non chiamatela Crudelia Demon, Piemme, 2012
Gaston e la ricetta perfetta, Giunti, 2012

Tags:
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

© 2008-2021  ❤ 2SeeChange.it Tutti i diritti riservati. Lucia Montauti CF MNTLCU70T63C085T. Realizzato da 2BeOnLine.it

2SeeChange è in ascolto :)

Invia una email da questo form e segnala innovazione o news

Sending

Log in with your credentials

Forgot your details?