This Post Has Been Viewed 2 Times

Tempo stimato per la lettura: 6 minuto (i) & 7 secondo (i)

“Giovanni Eufemi, residente nella cittadina di Castel Chimerico, era arrivato alla rispettabile età di quarantadue anni senza avere ben chiaro in testa un concetto basilare: la differenza tra la gioventù e la vecchiaia.”

Inizia così il nuovo romanzo di Luca Rachetta, abile osservatore di vite e di piccoli accadimenti quotidiani, capace di estrarre da sguardi e conversazioni la profondità della nostra natura, insieme a tutte le dinamiche che la governano e guidano, intrecciando vite. Lo scrittore, illuminandone di sottili, impercettibili, spesso ignorate, non ci sottrae ad un’alba innaturale e al progressivo scomparire di ombre, figlie di una ragione che non ha sempre tutto così chiaro e sotto controllo. Ogni svolta, ogni processo compongono un quadro diverso di ciò che siamo: difficile da descrivere ma semplice da comprendere. Anche in questo libro l’autore ci trascina dentro vite e personaggi allungando il nostro sguardo per vedere, fra le righe, lo sfilare della nostra vita con le sue emozioni, pensieri e convinzioni. Eletti ad osservatori prescelti e lusingati come solo uno scrittore riesce a fare, Luca ci spinge sempre più velocemente in un viaggio che da leggero diventa impegnativo, ricco di precipizi e zone insolite. Così, senza pretese, lasciando libertà al lettore di rivivere e vedere nelle parole ciò e chi più desidera, Luca Rachetta rende azioni comuni di uno spessore diverso, separandole dal mondo, staccandole come un frutto maturo, isolandole per non confonderle con la coreografia, distillandole per darci lo spazio necessario a comprenderle, facendoci così riflettere sulla natura umana e sul suo esporsi prepotentemente nelle piccole cose, nei piccoli delitti e crudeltà, nei momenti di abbandono e in sorrisi immotivati, così come il futuro delle persone e il loro carattere sono la solidificazione di ciò che ha detto, pensato e sognato in precedenza. Sottolinea un mondo nascosto, tanto evidente da essere invisibile e, senza l’ego che spesso caratterizza lo scrittore di grandi storie, inventore di nuovi mondi con trame complicate e a volte inafferrabili, Luca ci spinge verso un tramonto semplice, facendoci apprezzare gli odori del sottobosco, le nostre più piccole pieghe, dissapori e dolori tenui ma profondi, proprio dalla profondità porta in superficie questo mondo magico: unica e reale logica, unico e vero processo, unico e reale colpevole delle grandi dinamiche che regolano il mondo.

Tags:
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

© 2008-2021  ❤ 2SeeChange.it Tutti i diritti riservati. Lucia Montauti CF MNTLCU70T63C085T. Realizzato da 2BeOnLine.it

2SeeChange è in ascolto :)

Invia una email da questo form e segnala innovazione o news

Sending

Log in with your credentials

Forgot your details?